Riproduzioni

Riproduzioni

E' possibile, previa autorizzazione, riprodurre il materiale bibliografico e documentario per motivi di studio o per scopi commerciali, nel rispetto dei regolamenti (D.P.R. 417/1995, Regolamento interno) e della normativa vigente sul diritto d’autore (Legge 633/1941 e successive modificazioni).

 

RIPRODUZIONI PER SCOPI EDITORIALI O COMMERCIALI L’autorizzazione alla riproduzione per scopi editoriali o commerciali è concessa dalla Direzione a coloro che ne facciano richiesta ,nel rispetto della normativa succitata nonchè, per quanto attiene al dovuto versamento dei diritti di riproduzione (vedi canoni e modalità di pagamento), della legge 4/1993 e del relativo regolamento attuativo (D.M. 139/1997).
Contatti:
antonella.luzziconti@beniculturali.it

Dal 1° settembre 2014 è sospeso il servizio di riproduzione in fotocopia (in sede)

Normativa sulle riproduzioni in base alla legge 248/2000 sul diritto d’autore

Come previsto dall’art. 2 della legge 248/2000, la riproduzione delle opere appartenenti alla Biblioteca sarà consentita esclusivamente nel limite del “quindici per cento, di ciascun volume o fascicolo di periodico, escluse le pagine di pubblicità”.

Nel caso sia richiesta la riproduzione di “opera rara fuori dai cataloghi editoriali”, questa può essere accettata previa autocertificazione da parte dell’utente che ne attesti tale stato.

La Biblioteca si riserva di effettuare i controlli sulla regolarità delle richieste e sulla veridicità delle dichiarazioni.

Eventuali abusi saranno puniti con l’esclusione dalla Biblioteca. Le dichiarazioni mendaci saranno comunicate all’autorità giudiziaria ai sensi della Legge 15/1968.

Per essere autorizzati ad effettuare riproduzioni per motivi di studio o/e autorizzati a pubblicare è necessario compilare i seguenti moduli indirizzati al Direttore della Biblioteca:

Richiesta di autorizzazione a riprodurre per motivi di studio

Richiesta di autorizzazione a pubblicare

Tali moduli sono presenti anche all'ingresso della Biblioteca